Translate

venerdì 27 gennaio 2017

THE MILLER'S DANCE - POLDARK 9 - di Winston Graham


La lettura di THE STRANGER FROM THE SEA aveva aperto infiniti interrogativi e rendeva obbligatorio il passaggio successivo a THE MILLER'S DANCE, nono volume della saga dedicata alla famiglia dei Poldark. Se questo nuovo libro in qualche modo arricchisce la storia della coppia centrale, con l'arrivo di un nuovo figlio, devo dire che la mia impressione generale sui due più grandi, Jeremy e Clowance, sfortunatamente non migliora, in quanto quelle che erano a mio parere le debolezze della nuova generazione, restano tali e si rafforzano anche in questo volume.


Certo avere un padre come Ross Poldark inibirebbe qualsiasi figlio, nel senso che nel confronto è sempre difficile tracciare una propria strada, ma per un lettore affezionato come si può dimenticare lo spessore di questa figura narrativa e lasciarsi coinvolgere nelle vicende personali e sentimentali di un ragazzino che si invaghisce di una donna che preferisce il denaro all'amore, che viene trascinato dalle iniziative di un avventuriero senza né arte né parte?


Se da un lato il contraltare maschile di Ross, ovvero Jeremy, mi lascia alquanto perplessa (pur seguendo le sue avventure con un barlume di speranza che possa in qualche modo riprendersi), dall'altro lato abbiamo Clowance Poldark, ragazza che ci viene descritta da Graham in un primo momento come una donna piena di possibilità, in qualche modo avvolta di quel potere magico che Demelza ha sempre posseduto, ovvero quello di conquistare l'attenzione degli uomini senza quasi rendersene conto. Basti pensare allo stesso George Warleggon, risvegliato innegabilmente dal letargo del lutto per la perdita di Elizabeth da un incontro con la figlia del suo peggior nemico.


Anche a distanza di anni, dopo che George si è deciso a risposarsi scegliendo una moglie altolocata, la figlia di un Duca, Harriet, completamente diversa da Elizabeth e quindi spiazzante e neanche lontanamente adatta ad un uomo come lui, rivedere Clowance Poldark su di lui esercita sempre una strana fascinazione che lo disgusta. È come se lei fosse in grado di risvegliare l'uomo istintivo che c'è in lui e che George preferisce decisamente dimenticare. Basti pensare alla festa in cui la ragazza partecipa invitata da Valentine.


Ovviamente si tratta solo di un sentimento interiore di George. Graham non arriva mai a prospettare l'indicibile, ovvero una possibile relazione tra George e Clowance che sicuramente scatenerebbe una guerra tra lui e Ross peggiore di quella nata anche per colpa di Elizabeth. Clowance è troppo giovane e circondata da pretendenti. È solo una presenza che inquieta l'animo di George.


La ragazza non sembra rendersi conto del potere che ha, o forse non vi attribuisce importanza, malgrado tutti la corteggino e siano pronti a chiederla in sposa. Lei ha perso il cuore per il peggiore di tutti (a mio modesto parere), ovvero Stephen Carringhton. Non riesco proprio a farmelo piacere, malgrado abbia provato in tutti i modi ad aprirmi a questo personaggio.


Graham ce lo presenta come un uomo problematico, un ragazzino senza famiglia, finito in prigione per aver rubato delle mele, adottato poi da un'altra famiglia, diffidente e avventuriero. Anche se posso provare simpatia per certi aspetti del suo carattere, la verità è che non sopporto il modo sprezzante con cui entra nella famiglia Poldark, le sue considerazioni su Ross e Demelza, le bugie continue, il suo approccio nei confronti della stessa Clowance, o il modo in cui finisce per coinvolgere Jeremy nelle sue disavventure.


Clowance prova per lui un'attrazione più forte di qualsiasi logica del cuore. Ovviamente Graham parla di amore, ma la verità è che un lettore di oggi facilmente coglie un coinvolgimento fisico della ragazza, più che un sentimento completo e assoluto. Quando Demelza si innamora di Ross, non vede solo un uomo attraente che la fa sentire donna. Dona il suo cuore ad una persona che l'ha salvata, che pur facendo parte di una classe sociale molto più in alto della sua, mai si permette di considerarsi superiore agli altri. L'amore diventa un sentimento completo che con gli anni si arricchisce. Non è solo attrazione fisica, ma qualcosa di più profondo.


Clowance non approva Stephen, il modo in cui vive, come si comporta con il prossimo, la pessima fama che ha per via delle tante donne, ma quando lo vede l'ormone smarrisce qualsiasi logica e finisce per perdonargli qualsiasi cosa. Poco importa che il tradimento con Violet ci venga presentato da Graham quasi come un atto di pietà esercitato dall'uomo nei confronti di una ragazza che sta morendo e se ne vuole andare conoscendo anche l'amore fisico. Stephen è sempre pronto a rinfacciare a Clowance il fatto che non voglia concedersi prima del matrimonio in nome di valori che lui non condivide. Pur dicendo di amarla sinceramente, non si riesce a capire se la sua è solo una fascinazione fisica.


Clowance finirà per rompere il fidanzamento in seguito ad un bruttissimo litigio tra lui e Ben Carter, che confesso è tra i pretendenti della ragazza uno dei miei preferiti. Lei però non ricambia il suo amore, non sentendosi minimamente attratta dal figlio di Jinny e Jim Carter e quindi, nonostante lei abbia rotto con Stephen, dopo che l'uomo ha ferocemente offeso il ragazzo, preda della gelosia quando li vede uscire da soli dalla miniera (in realtà i due erano emozionati ed entusiasti per aver scoperto la presenza di reperti antichissimi che avrebbero potuto risollevare le sorti del posto), non ho molte speranze che possano diventare una coppia.


Ross arriva ad un accordo con Stephen, dandogli la possibilità di restare ancora tre mesi nella casa dove i due avrebbero dovuto andare a vivere dopo il matrimonio. Se la figlia cambierà idea, potranno sposarsi, altrimenti l'uomo dovrà lasciarla in pace e andare via. Al momento Clowance non ha ancora cambiato idea, si è allontanata per un po', cercando di incontrare altra gente, ma sospetto che il suo cuore (o ormone) la riporterà di nuovo tra le braccia di Stephen.


Questi nel frattempo pensa di arricchirsi con una rapina, coinvolgendo anche un addolorato Jeremy. Questi infatti si era ripreso, rivedendo Cuby, sperando di riconquistare la ragazza, che non sembra del tutto indifferente. Pur decisa a rispettare la volontà del fratello, che la vorrebbe vedere sposata con un uomo pieno di soldi, prova innegabilmente dei sentimenti per Jeremy. Questi, prima tentato di partire per la guerra, quando scopre che è stato organizzato il matrimonio tra Cuby e Valentine Warleggan, viene accecato dal dolore e finisce per lasciarsi trascinare da Stephen in un'impresa assurda, quella di una vera e propria rapina.


Ross aveva più volte violato la legge, preda di situazioni che lo costringevano ad operare sul limite e a volte a varcarlo, ma il lettore riusciva sempre ad immedesimarsi o a capire le sue scelte. Confesso di non essere stata in grado di capire il gesto di Jeremy. Il dolore e la ferita per la perdita di un amore è comprensibile, lo abbiamo visto con Ross quando perde Elizabeth al suo ritorno dalla guerra, con Drake quando costringono Morwenna a sposare l'odioso vicario, ma mai abbiamo assistito ad una reazione senza né capo e né coda come questa. Sono delusa da Jeremy e mi auguro che si riprenda nel prossimo volume.


Per fortuna a dare tono al libro ci sono due eventi importanti: l'arrivo di Harry Vennor Poldark, il nuovo figlio di Ross e Demelza, e il possibile prossimo ritorno di Geoffrey Charles, che tra tutti i giovani è quello che mi suscita più simpatia al momento.


La nascita del quinto figlio di Ross è innegabilmente piacevole da leggere per quella preoccupazione e quella complicità che non viene meno nella coppia, ormai appagata e felice dopo che sono scomparsi tutti gli elementi di tensione del passato. Le loro risate (basti pensare a quando Ross suggerisce per gioco di chiamare il bambino Garrick e viene preso a cuscinate da Demelza) o la sua ansia quando, contravvenendo alle disposizioni di Dwight di massimo riposo, la moglie se ne va passeggiando per i campi, ci restituiscono il ritratto di una coppia che ancora si fa amare, malgrado il passare degli anni, mentre i figli ci offrono ritratti offuscati e sbiaditi di quello che dovrebbe essere l'amore.


Mentre la storia continua ad invadere spesso la scena, con le lettere dal fronte, o le notizie di vittorie e sconfitte, sul finale, mentre la famiglia passeggia sulla spiaggia, felice del nuovo arrivo in famiglia, con Clowance che cerca di non pensare a Stephen, la piccola Isabella-Rose che sogna il futuro e la musica, Jeremy che tace sulla follia appena compiuta, arriva la lettera del cugino che annuncia le sue nozze con una spagnola incontrata durante la guerra. La incontreremo sicuramente nei prossimi volumi e anche se una parte di me si dispiace di non averlo visto tornare ed innamorarsi, spero che il ritorno a Trenwith del giovane ci salvi dal deprimente grigiore delle nuove generazioni. 


FRASI TRATTE DAL ROMANZO



''Nessuno sa come mi sento' disse Ben bruscamente. ' Forse non sono abbastanza per Clowance. Questo è facile da capire...ma lui...Questo è quello che ferisce come un coltello nelle ossa ogni momento del giorno....ogni singola ora.
(Ben pensando a Clowance e Stephen)


****
No!' disse con calma, ma molto arrabbiata. 'No, non è questo! Non è il modo per capire...Non sono debole! Sono forte! Non sono superficiale e frivola...solo dura! Io...' Gettò indietro la testa. 'In effetti ho deciso di sposarmi per denaro (Cuby Trevinion a Jeremy)


***
Ross distolse lo sguardo da quello serio di lei. Tornarono alla sua mente le immagini della sua vita come davanti agli occhi di un moribondo, memorie dei sue vent'anni di paternità: la fiducia ineffabile, l'amore durevole, i battibecchi in famiglia, le risate disinibite, il cameratismo intimo e qualche volta pungente. Ed ora era innamorata...di uno sconosciuto. 


***
E quei due, i genitori di Clowance: lui con la sua faccia scarna e ben disegnata, lei con quegli occhi! Non sempre tranquillo, Ross Poldark, si diceva. Una volta era quasi stato impiccato per insurrezione o qualcosa del genere. E di lei si mormorava che era la figlia di un minatore.  Di questo dubitava. Non aveva mai visto nessuna mocciosa figlia di un minatore in giro che le somigliasse...Davvero un peccato. 
 (Stephen guardando i genitori di Clowance)


***
È uno scherzo! Baciarsi nella libreria!' disse Isabella-Rose.
Si ritirò verso la porta. 'Accadrà anche a me quando crescerò?
'Si' disse Stephen. 'Se non prima!
''Lapidatemi!' disse Isabella-Rose ed uscì. Loro si guardarono, infastiditi dall'interruzione e poi scoppiarono a ridere.


***
Ora, dopo avervi rivisto, capisco il mio errore nel credere che potevo dimenticarvi. Sotto alcuni punti di vista, sono ancora legato...Così ora...ora penso...quanto volete, Cuby? Se siete in vendita, qual'è il vostro prezzo?
(Jeremy a Cuby)


***
Ogni volta riteneva che c'era di più da perdere. Aveva sperato che non succedesse più. 
'Sono molto egoista' disse. 'Penso solo a te.'
'Non mi sembra egoista'
'Ma lo è. Più divento vecchio, più diventiamo vecchi, più dipendo da te.
(Ross a Demelza quando scopre che lei è di nuovo incinta)


***
Verity disse: 'Era una di quelle strane coincidenze, senza ragione, senza scopo. Ho solo pensato che i colori, i capelli, gli occhi, la forma della testa...ma ora...ora ho una sensazione diversa, altrettanto stupida, se intendi quello che voglio dire.
'Ovviamente non so quello che vuoi dire.'
'Ora non è per niente come te. È un giovane troppo magro per essere come te. I suoi occhi sono troppo vicini, il suo modo di camminare, i suoi fianchi stretti, i suoi modi affabili che non sembrano completamente sinceri...'
Era arrossita.
'Allora?'
'No, lo so che mi riterrai altrettanto stupida, ma mi ricorda molto tuo padre!'
[...]
Tutto quello che ti posso dire è che quando Valentine è venuto per la prima volta e si è seduto a parlare, il modo in cui mi guardava, in cui ha guardato Janet quando ha portato il te, il modo in cui il suo sguardo brillava intenso impresso su me, ho avuto la stranissima sensazione di tornare indietro di 35 anni e di vedere tuo padre che mi sorrideva dall'altro lato del tavolo, proprio come aveva fatto molto volte tanto tempo fa. È stata un'esperienza strana...Mi ha ha fatto venire i brividi. 
(Verity parlando a Ross di Valentine Warleggan)

***
'Andresti a cercarla?' 
Jeremy rispose: "Stavo andando alla minera, ma questo può aspettare. 
"Grazie. Penso che questo...mi andrebbe benissimo. Riportamela indietro.
Jeremy innarcò un sopracciglio.
'Solo voi potete essere certo di fare una cosa del genere, Padre. Ma userà tutta la mia astuzia persuasiva. 
(Ross preoccupato per Demelza)


***
 Non è abbastanza buono per te, ma se lo ami, allora è come deve essere.
''Nulla deve essere' disse Clowance ferocemente 'Nulla ancora deve essere.'
(Ben e Clowance parlando di Stephen)


***
Lei disse: 'Non vivi per essere al sicuro, Ross. Tu vivi per essere vivo, per fare un profondo respiro e sapere che il tuo cuore sta battendo. 
(Demelza a Ross)

Nessun commento:

Posta un commento