Translate

domenica 29 maggio 2016

ARIA DI MISTERO di Marti Laven


Questo secondo volume di HARMONY INTRIGUE, letto questa settimana dopo L'ULTIMO SIGILLO, non mi ha coinvolta come quello precedente, pur dovendo ammettere che l'elemento giallo è sicuramente il suo punto forte.

Andrea Barrie è una professionista capace ed affermata, che lavoro per un capo dispotico e alquanto ambiguo. Lei è una "cacciatrice di teste", o meglio di cervelli, in quanto la sua azienda viene pagata per sottrarre le menti più brillanti in campo di ingegneria alle ditte rivali. Lavoro pericoloso, sempre sul filo della legalità e del lecito, ma è un attività ben remunerata ed Andrea si è fatta carico della sorellina più piccola, dopo un terribile incidente che le ha strappato il resto della famiglia.

Arrivata a Seattle per concludere un delicatissimo lavoro, sul volo che la porta in città, Andrea conosce un uomo misterioso e affascinante, Gage, che il caso vuole alloggia al suo stesso albergo. Malgrado i suoi modi affabili ed un sincero corteggiamento, Gage sembra nascondere qualche segreto inconfessabile che riguarda la sua professione.

Intanto Andrea si rende conto che il suo capo la sta utilizzando come una pedina, esponendola a rischi e minacce, per coprire dei traffici poco puliti. Incapace di mollare, gli unici momenti sereni li vive con Gage, che la porta a conoscere una città dinamica e futurista come Seattle. Peccato che Gage nasconda un segreto che la coinvolge direttamente ed è ben lontano dall'essere del tutto estraneo a quello che sta succedendo anche dal punto di vista professionale nella sua azienda.

Romanzo piuttosto articolato, che avrebbe avuto bisogno di essere esplorato più dettagliatamente in un numero di pagine maggiore. La storia d'amore tra Gage e Andrea in qualche modo viene penalizzata dalla trama gialla che non mi ha preso particolarmente, piuttosto articolata ed ingarbugliata. Peccato perché Gage in realtà è un personaggio alquanto interessante, pieno di fascino, dotato di iniziativa ed intraprendenza e l'amore che pian piano sboccia tra i due, malgrado i segreti e le diffidenze, era un elemento sul quale sicuramente puntare.

L'ULTIMO SIGILLO di Kathleen Creighton


Kathleen Creighton è una famosa penna che ha dato vita a numerosi romanzi dove il rosa si mescola sapientemente al giallo. L'ULTIMO SIGILLO è un volume pubblicato sul finire degli anni ottanta per la collana HARMONY INTRIGUE. In questa settimana in cui ero alla ricerca di storie che mi offrissero un intreccio un po' più articolato, mi sono concessa questo breve excursus verso il giallo, fiduciosa che il rosa non mi avrebbe abbandonato, come mi dava garanzia quella "H" con il fiorellino che è simbolo di tante mie letture.

La storia ci presenta un eroe che pur essendolo per il livello morale è ben lontano dai canoni classici dei "maschio alfa". Michael A. Snow è un potente giudice della Corte Suprema, che sta tenendo un processo ad alcuni esponenti della mala vita locale. Minacciato di morte, l'uomo è stato costretto a cambiare completamente le sue abitudini, in attesa che la situazione si risolvesse.


Tra i presenti nella sua aula, interdetta alle telecamere, c'è una giovane ritrattista, Brady, che è da sempre invaghita di lui. Il giudice l'ha notata, ma la loro esistenza non sembra potersi incrociare, fino a quando un giorno la ragazza si rende conto che il giudice ha lasciato al ristorante della corte la sua valigetta. Lo insegue per consegnarla e mentre i due si parlano per la prima volta, qualcuno cerca di
investirli con un auto.

Snow aiuta Brady, rimasta lievemente ferita, ed i due si ritrovano coinvolti in una vicenda che è molto diversa da quanto immaginato, tanto che il vero obiettivo degli attentati alla fine si rivelerà non certo il giudice.

A parte il motivo giallo che crea una costante tensione nel racconto, la verità è che la bellezza della storia è tutta rappresentata dal protagonista, Michael A. Snow: uomo riservato, maturo, solitario, che ha un rapporto conflittuale con l'amore ed il sesso, che si sente troppo diverso da Brady, giovane, esuberante e piena di vita, eppure ne è allo stesso tempo irrimediabilmente attratto, come una falena.

Brady riuscirà piano piano a farsi spazio nella sua vita e nel suo cuore, dimostrandogli che malgrado le diversità possono esistere numerosi punti di incontro e che la vita deve essere vissuta, a volte assumendosi anche il rischio, pur di godere della bellezza di certi momenti.

Storia carina, meno scontata del solito, ben scritta. Piccola nota: copertina quanto mai azzeccata, molto più di tate altre forse molto più belle e laccate. Questa ci svela alcuni momenti chiave della storia ed i personaggi riflettono quelli del libro. Il titolo invece davvero non è ben riuscito, tanto che quello originale, come al solito, era  migliore.

SPOSATI E...CONTENTI? di Eileen Wilks

 


Gideon Wilde considera Cassie O'Grady la "moglie sbagliata", come ben sottolinea il titolo in lingua originale, quella che ha posato il giorno del suo matrimonio pur non essendo la sposa prescelta. Lui avrebbe dovuto convolare a giuste nozze con l'algida Melissa, o "il ghiacciolo" (come la chiama Cassie), la bionda creatura perfetta che copriva tutti i requisiti da lui richiesti. Eppure la donna lo ha abbandonato 4 giorni prima delle nozze.

Tutta la vita di adulto di Gideon è regolata dalla sua mania di controllo, ovvero dal suo desiderio di essere quanto mai diverso e lontano da sua padre, un uomo che si è distrutto, abbandonandosi ai vizi, ma soprattutto che ha distrutto la sua famiglia.

Cassie è la sorellina minore di Ryan, il suo miglior amico, l'unico ricordo positivo di anni quanto mai travagliati. Quando Ryan è entrato nella sua vita, pieno di esuberanza e di passionalità, Gideon ha scoperto che cosa volesse significare avere una famiglia, qualcuno a cui importava la sua vita.

Pur più giovane di lui di alcuni anni, Cassie pian piano è diventata una donna, bellissima e piena di passione ed entusiasmo, una pittrice ed un artista umorale e affascinante, che incarna tutti i desideri proibiti di Gideon, che però si è tenuto sempre a distanza da lei per non lasciarsi tentare.

Lei è quanto di più lontano ci sia da quello che vuole dalla vita: controllo, moderazione, sicurezza. Queste sono le ragioni per cui ha fatto finta di non rendersi conto dell'infatuazione che la ragazzina aveva per lui, né del suo cuore infranto ogni volta che compariva con una nuova fidanzata.

Non ha ignorato questi sentimenti Ryan, che la notte in cui avrebbe dovuto festeggiare il suo addio al celibato, complice diversi bicchieri, finisce per cogliere la palla al balzo e spingere letteralmente la sorella tra le braccia del suo miglior amico.,

Pur non ricordando praticamente niente della sera prima, Gideon si sveglia il giorno dopo con al suo fianco la sua nuova brillante sposa, Cassie. Ryan esige un anno di convivenza per continuare a chiamarlo amico, ma per Gideon avere Cassie al suo fianco è una tentazione troppo forte e pericolosa, contro cui lottare inutilmente.

Romanzo carino, sebbene piuttosto breve, dove spicca soprattutto il protagonista, posato e volutamente controllato, che cerca in realtà di dominare la sua natura più profonda, con una protagonista quanto mai vivace e passionale che riuscirà a scuoterlo nelle fondamenta e ad insegnargli che l'amore non è una formula chimica che si può scrivere su un quaderno rivendicando poi la felicità.

ROSSO PASSIONE DI Diana Palmer

Diana Palmer è un nome affermato del genere rosa, scrittrice che dai sottili volumi Harmony degli anni ottanta si è conquistata la dignità di un romanzo quasi integro che permette di esplorare vari aspetti di una vicenda, non solo quella rosa.

Pur avendo letto qualcosa in passato, non mi ero ancora imbattuta in un romanzo che mi avesse colpito in modo particolare, ma mi sono lasciata tentare da ROSSO PASSIONE per via dell'intreccio giallo che ho colto nella trama. Ero stanca della semplice formula: lui incontra lei, si piacciono, compare una ex o un ex che li ostacola, coronano il loro sogna d'amore. Volevo qualcosa questa settimana che mi prendesse e mi inducesse ad andare avanti alla ricerca di una sorpresa.

Ed eccomi a Phoebe Keller e a Jerry Cortez. I due si conoscono durante alcune indagini fatte da lui su alcune discariche di materiali inquinanti. Lei è poco più di una ragazzina, ancora alle prese con la laurea in antropologia. Lui è un nativo americano, molto più grande di lei, dalla vita incasinata. Eppure l'amore non ti chiede un perché, ne è una formula matematica facile da risolvere, come vorrebbe qualcuno.

Jerry e Phoebe si rivedono il giorno della laurea e anche se lui vorrebbe combattere contro quello che prova per lei, ammette a se stesso che lei è la persona giusta, la donna che stava cercando e per un uomo come lui, poco propenso alle avventure sentimentali, questa sicuramente è una novità. I due si separano senza che la passione che provano possa essere appagata, ma si danno appuntamento tra tre mesi, per Natale, per dare il tempo a tutti di risolvere varie situazioni.


Peccato che Phoebe riceva pochi giorni dopo una lettera da Jerry, o meglio una busta contenente un ritaglio di giornale che annuncia il suo matrimonio con un'altra donna. Il cuore di lei va in frantumi e cambia completamente anche le sue prospettive del futuro. Si era infatti decisa ad accettare un lavoro che lui le aveva proposto a Washington.

Lo stacco temporale è superbo e ci regala la tensione necessaria che ci induce a continuare per capire cosa sia successo. Phoebe ha trovato un lavoro come curatrice di un museo in un posto sperduto in una riserva indiana. Proprio qui la donna riceva una misteriosa telefonata da un sedicente professore che le dice di aver trovato in una grotta resti di un uomo di Neanderthal, cosa praticamente impossibile.

Poco tempo dopo viene ritrovato un corpo (quello del professore) ed essendo territorio della riserva, vengono inviati sul posto alcuni uomini del FBI, tra cui c'è anche Jerry. I due non si vedono da anni e lui ha con sé un bambino piccolo. Lui scopre che Phoebe ha attraversato un periodo durissimo dopo il suo abbandono ed i due, mentre cercano di fare luce su una serie di omicidi nella riserva, legati al misterioso furto nel museo di New York, cercheranno di fare chiarezza sui loro sentimenti, dando una seconda occasione ad un amore sincero ed unico, a cui sono stati costretti a rinunciare.

Storia interessante, piena di elementi non solo rosa, con due protagonisti affidabili e sinceri, poco propensi a perdere la testa facilmente, ma assolutamente e profondamente innamorati l'uno dell'altra, a cui la vita e le difficoltà hanno posto ostacoli difficili da superare. Romanzo che offre spunti interessanti, adatto a chi non si ferma solo davanti alla descrizione "bello e arrogante", ma che vuole personaggi a tutto tondo.

SOTTOMESSA AL PIACERE di Beth Kery


Non sono una grande amante dei romanzi erotici, pur apprezzando a volte scene molto sensuali e coinvolgenti che sanno essere il sale in più in alcune storie d'amore. Eppure non sono una di quelle che vuole il sesso esplicito a tutti i costi a scapito della trama. Per me il racconto è fondamentale e occupa l'ottanta per cento di qualsiasi buona storia.

Beth Kery è tra le autrici del genere "erotico" una di quelle che apprezzo di più, pur collocando tra le mie preferite in assoluto, sicuramente Charlotte Featherstone (a mio parere insuperabile). La Kery riesce a rendere il romanzo sensuale e molto "carnale" offrendoci allo stesso tempo una storia romantica e conclusiva. Onestamente odio tutte le varie saghe "erotiche" dove una trama che riempirebbe sicuramente un volume di un centinaio di pagine, ci viene spalmata su migliaia di fogli perdendosi in scene ripetitive e noiose.


La Kery mi dona una storia (spesso intrigante, piena di mistero e romanticismo) immergendola in un'atmosfera torrida e passionale, dove le scene di bdm sono soft e sempre espressione d'amore, mai di una forma nascosta di sadismo e violenza. Basti prendere questo romanzo, SOTTOMESSA AL PIACERE, che subito attiva nella mente del lettore le ben note situazioni.

In realtà Shane Dominic è innamorato perso di Laura Vazquez da ben 13 anni o forse anche di più. Lei era la sorellina più piccola di uno dei suoi migliori amici. L'aveva difesa, protetta quando era una bambina e poi se n'era innamorato follemente quando lei era diventata una donna. Lui era stato il suo primo uomo e altro non sognava nella vita che passare la sua esistenza con lei.

Poi un giorno, di punto in bianco, Laura lo lascia all'apice della loro storia d'amore per sposare un altro uomo, un poliziotto alquanto losco ed i due non si incontrano più. Quando il marito di Laura, coinvolto in uno scandalo su dei poliziotti corrotte, si uccide pur di non fare il nome di colui che è il grande burattinaio di una pericolosa organizzazione, Laura finisce nel mirino di pericolose attenzioni e Shane torna nella sua esistenza con prepotenza.

Deciso a smascherare chi ha distrutto il loro amore appassionato, pronto a costringere Laura finalmente a parlare e a raccontare tutta la verità anche sulla fine della loro storia, Shane una sera letteralmente la rapisce per trascinarla in una baita di montagna durante un fine settimana in cui saranno bloccati da una tempesta di neve.


Pronto a sfruttare l'innegabile attrazione che la donna nutre ancora per lui, Shane è disposto a tutto pur di farla parlare, pur di sottometterla ed indurla a raccontare tutto quello che sa, non solo sui loschi traffici del marito (che si scoprirà essere stato solo una pedina secondaria), ma anche su dei sentimenti traditi, ma mai dimenticati.

Racconto pieno di passione, amore, supence ed intrigo, sapientemente mescolati in un racconto che ci mostra come l'amore è assoluto, non solo sentimentale, ma anche fisico e totale. Romanzo adatto a chi cerca racconti dalle tinte forti, ma anche incline ad una notevole dose di romanticismo.


 Le scrittrici di erotici dovrebbero prendere esempio da lei ed imparare che come genere esiste da tempi antichissimi e sicuramente non è stata un'invenzione alquanto dubbia di E.L.James.

mercoledì 25 maggio 2016

Mamma e papà sono single di Rossini


Vuoi ascoltare la recensione in formato audio video? Guarda il video su you tube!

Mamma è papà sono single è finito tra le miei mani per puro caso e si è rivelata una piacevole lettura, che mi sento di consigliare.
E' una storia moderna, fresca e intelligentemente collocata nella realtà odierna.
Massimo e Susanna sono figli della nostra società, con le paure e le difficoltà di tanti di noi. Diversamente da quanto si potrebbe pensare, la mamma e il papà non sono i genitori della stessa bambina, ma sono la madre e il padre di due bambine che si conoscono a scuola e senza volerlo favoriscono l'incontro di due anime gemelle.


La vita li ha portati a percorrere strade diverse, ma Massimo e Susy sono nati per stare insieme, anche se non lo sanno e non hanno nessuna intenzione di scoprirlo.
Susy si è ritrovata a fare da madre e padre ad una splendida bambina e se la cava decisamente bene, perchè la piccola cresce serena e tranquilla, nonostante l'assenza del padre.
Certo  é Susy che si fa in quattro per assicurarle un futuro all'altezza di una famiglia "normale". Si divide tra lavoro, casa e famiglia. Non ha nessuno che la possa aiutare e la sua mamma, la nonna, è troppo impegna a trovare un nuovo marito per accorgersi di loro. Ogni tanto ritorna, ma solo per sentirsi una brava mamma e un'ottima nonna. Insomma, non c'è da fare affidamento nemmeno su di lei.
Tempo per se stessa, veramente poco, ma Susy non si lamenta. Quello che desidera di più al mondo è la serenità per lei e sua figlia. Diventare madre non le ha tolto la speranza di incontrare qualcuno e ogni tanto si lascia andare a qualche furtiva tentazione, ma l'idea di impelagarsi  in una storia duratura non è la priorità al momento.


Dello stesso parere è Massimo, il padre della migliore amica di sua figlia.  Un uomo dall'aspetto gradevole, gentile e attendo, che è appena uscito da un matrimonio che all'inizio sembrava perfetto, e poi si é trasformato in un incubo. Sua moglie, o meglio, la sua ex moglie ha chiesto ed ottenuto la separazione con addebito, riuscendo a strappargli un ottimo assegno di mantenimento.


I soldi non sono mai stati un problema per lui. Lavora come commercialista nello studio del padre e non gli mancano certo i fondi per vivere, ma quello che più lo fa infuriare è l'atteggiamento accusatorio della sua ex consorte, che lo dipinge al mondo come una sorta di maniaco sessuale, pronto a saltare addosso a tutte le donne che gli passano sotto il naso.
Se non fosse per la loro bambina, l'avrebbe già mandata al diavolo. Ma si sa, per amore dei figli si è disposti a fare qualsiasi sacrificio.
Rifarsi una vita? Non ci pensa proprio. Ora che è tornato single non ha alcuna intenzione di impelagarsi in un'altra storia d'amore.
Eppure un giorno gli sguardi di Massimo e Susy si incrociano e staccarli sarà un problema di non facile soluzione. Basterà ripetersi che si è adulti e vaccinati per affrontare come persone civili una relazione basata solo sul sesso?


E qui inizia la parte più frizzante ed il lettore si ritroverà coinvolto nella loro battaglia emotiva alla ricerca di un treno giusto  per loro. Perchè, sappiatelo cari lettori, non è vero che il treno passa una sola volta. Se vi fermate qualche momento, lungo i binari o in una stazione, vi accorgerete che i treni vanno e vengono e a noi spetta solo scegliere la destinazione. A volte sbagliamo, a volte arriviamo in ritardo, ma alla fine, c'è sempre il treno giusto per noi.
E su questo discorso ferroviario, che è uno degli elementi più belli del libro, per il messaggio di speranza che trasmette, vi lascio alla lettura di questo libro edito in autopubblicazione, che costa poco e regala bei momenti.


domenica 22 maggio 2016

FURORE di Josie Bell


La lettura di FURORE di Josie Bell, volume della collana BLUE TANGO SENSUALITA', ha lasciato dentro di me sentimenti contrastanti, in quanto ha tutto il potenziale per essere una grande storia, ma ho avuto l'impressione che qualcosa sfuggisse alla storia.

L'inizio è sicuramente la parte migliore, con la nostra protagonista  Frances Miller, che esce dal carcere dopo sei mesi di reclusione. Ad attenderla c'è il suo avvocato ed amico, l'unico rimastole in questa terra di dolore che ormai è per lei l'Inghilterra.


Frances ha perso suo fratello, un famoso sportivo, che era stato tutto il suo mondo, da quando i due ragazzi erano rimasti soli. Cresciuti adorandosi, non avrebbero mai pensato di doversi separate, ma la crudeltà della vita interrompe la loro serenità durante una terribile gara di sci, dove il ragazzo subisce un terribile incidente che lo lascia completamente paralizzato e attaccato alle macchine.

La disperazione di Frances e la scelta drammatica di Andrew cambieranno per sempre il destino della ragazza, che, dopo essere stata rilasciata, decide di troncare tutti i rapporti con una terra che le ricorda solo i momenti più dolorosi, Così prega l'amico di trovarle un lavoro lontano e l'uomo, da sempre innamorato di lei, la manda in una fattoria in Sud Africa, proprietà del ricchissimo Ian Vaan Rooyen, che vive con una nipote di tredici anni rimasta paralizzata su una sedia a rotelle.

Frances arriva sperando di poter essere d'aiuto, ma subito si scontra con l'ostilità di Ian, che rivede in lei e nella sua strana somiglianza con una donna del suo passato il male assoluto e il pericolo. Il loro difficile rapporto segnerà per sempre la vita di Frances e tutti i suoi tentativi di fuga saranno vani.

La verità è che la storia ha tutto il fascino dei tipici racconti gotici dove l'eroina vessata cerca di salvarsi, ma allo stesso tempo è succube di una strana attrazione nei confronti dei suo aguzzino e che di aguzzino di tratti ho avuto davvero pochi dubbi.

Ian è l'uomo più disturbato e problematico tra i due. Anche se è vero che Frances non ha raccontato tutta la verità sul suo passato (per ovvie ragioni), la sua ostinazione nel crederla una donna interessata solo al suo denaro a volte è davvero incomprensibile. Sembra quasi che per tutto il tempo lui non faccia che parlare non con lei, ma con Jane e quindi non veda la persona reale che ha difronte, ovvero una donna forte e allo stesso tempo fragile che sta cercando solo un po di felicità.

Non si riesce proprio a capire perché lei se ne innamori, soprattutto al fronte di una scelta narrativa che porta l'autrice a raccontarci i momenti di dolcezza e di seduzione di lui in maniera rapida e superficiale, concentrandosi di più sulle scene di furore, che esprimono la sua rabbia, ma che non lo riscattano agli occhi delle lettrici.

Peccato davvero perché il racconto aveva tutti gli elementi per essere davvero avvincente ed interessante. Nel complesso conserva un certo fascino, ma la frustrazione del finale dimostra come avrebbe potuto sicuramente dare molto di più.