Translate

domenica 21 gennaio 2018

Il diavolo e la rosa di Virginia Dellamore

I libri di Virginia Dellamore hanno sempre un grande seguito. Basta che un suo romanzo esca per scalare rapidamente le classifiche di Amazon con una cascata di recensioni, per lo più positive. Così è stato anche per Il diavolo e la rosa.

Il diavolo e la rosa è uscito alla Vigilia di Natale e come si addice al periodo è una sorta di fiaba, una reinterpretazione del La bella e la bestia.
Vi lascio la trama, se per caso ve lo siete perso.

Yorkshire, Inghilterra, 1836.
La vita è stata generosa e allo stesso tempo avara con Rosalynn. Le ha donato la bellezza ma l’ha privata dell’affetto di una famiglia. Da ventun anni, infatti, vive nello stesso orfanotrofio nel quale è stata abbandonata quando era piccolissima, e la sua esistenza è tutto fuorché idilliaca. La perfida direttrice dell’istituto, che nutre verso di lei una particolare antipatia, l’ha relegata ai compiti più faticosi e miserabili. Rosalynn trascorre le sue giornate lavorando e coltivando sogni segreti alimentati dai libri che legge. Libri che si procura di nascosto: al calar della sera, mentre le ombre dilagano nella brughiera, sgattaiola dal convitto e raggiunge il castello di Harwood a poche miglia di distanza.
Il maniero è disabitato, ma lei ha scovato un’imposta rotta ed è riuscita a entrare. Ogni giorno, attraversando un dedalo di grandi sale ricoperte di polvere e detriti, raggiunge l'immensa biblioteca ancora piena di volumi. Non ha mai incontrato nessuno, muovendosi sempre indisturbata.
Una sera, tuttavia, la solitudine dei luoghi subisce una brusca interruzione. All’improvviso, Rosalynn ode dei passi umani e si scontra con un uomo che afferma d’essere Lord Beaumont Harwood, proprietario del castello e di tutto ciò che esso contiene.
Benché coraggiosa, non può fare a meno di esserne intimorita: il conte non è soltanto un uomo dai modi scortesi, ma è anche l’individuo più spaventoso sul quale abbia mai posato lo sguardo. Il suo volto è ricoperto di ustioni e cicatrici ed è privo di una gamba al posto della quale indossa un terrificante arto finto. In più, la accusa di essere una ladra e minaccia di condurla in prigione per averlo derubato.
Rosalynn si trova costretta ad andare a vivere al maniero, assunta come domestica, per ripagare il furto commesso.
La vita al castello è più dura del previsto. Se ciò non bastasse, Lord Harwood non è affatto un gentiluomo: la gente del villaggio lo ha soprannominato “la Bestia” a causa del suo aspetto e dei suoi modi.
Per forza di cose, vivendo sotto lo stesso tetto, Rosalynn comincia a conoscerlo meglio, scoprendo che dietro la sua apparenza intrattabile si cela un uomo ferito dalla vita, trafitto dal peso di tragiche colpe passate e ormai rassegnato a vivere nascosto.
Nel contempo, i segreti riguardanti le origini di Rosalynn e l’identità dei suoi genitori si rivelano non meno misteriosi e tragici, e tutto sembra precipitare verso un epilogo drammatico...
Sullo sfondo della cupa brughiera inglese, un romanzo liberamente ispirato alla favola della Bella e la Bestia. La storia di una passione tormentata e di un sentimento purissimo capace di guardare oltre l’apparenza, sgretolare i pregiudizi e dimostrare che la vera bellezza non ha a che fare con la perfezione del corpo ma con l’armonia dell’anima.

Che dire? Ho attraversato fasi alterne, durante la lettura di questo romanzo, ma nel complesso mi è piaciuto, senza entusiasmarmi particolarmente. Scritto benissimo, come sempre, in questo caso il linguaggio mi è parso a tratti pesante, troppo ricercato e non adatto al tipo di racconto. A parte questo, il romanzo è sviluppato bene e i personaggi sono caratterizzati a dovere, ma alla fine la storia risente del noto e non riesce a coinvolgere eccessivamente.
Rosalynn si innamora del suo conte per quello che intravede sotto le cicatrici e con la sua bellezza interiore riesce a smuovere il sasso che Harwood porta nell'anima, fino alla redenzione per quanto commesso in passato. I messaggi dell'autrice sono come sempre edificanti e difficilmente non si condivide il suo amore per la cultura, gli animali e la natura. Devo riconoscere che in questo romanzo, diversamente dagli altri, si risente meno della scarsa contestualizzazione storica, che appare più accurata, con le sue regole sociali, i suoi riti e a tratti anche le sue ipocrisie.
Cinque stelle le assegno alla copertina, bellissima a mio parere, ma il mio romanzo preferito di questa scrittrice resta Non posso esistere senza di te.
Voto complessivo: 3 stelline.

ANGELICA E LE NOTTI DI VERSAILLES di Anne e Serge Golon Vol. V


Ho aspettato questo romanzo per la bellezza di ventotto anni, ovvero da quando, ragazzina, mi innamorai dei film di Angelica e cercai disperatamente i vari volumi, ritrovandone solo i primi quattro. Che cosa fosse successo, dopo il matrimonio tra la mia eroina e il bel Philippe, era rimasto un mistero da svelare e quindi quando finalmente ho avuto tra le mani ANGELICA E LE NOTTI DI VERSAILLES, prima parte del volume Angelique et le Roi, ero piena di speranze e di aspettative.



Angelica è riuscita, attraverso il ricatto, a costringere il bel cugino Philippe a sposarla, ridandole quella posizione nella società parigina che aveva inutilmente cercato di riconquistare attraverso il denaro. Inoltre Philippe è sempre stato per lei l'oggetto del desiderio, fin da quando ragazzina, in visita al palazzo di Plessis-Belliére, lui la chiamava "La Marcheda dal Vestito Triste".


Il personaggio di Philippe è uno di quelli principali di questa parte del racconto. Uomo bellissimo, ma violento, abituato più alla guerra che all'amore, ha solo un'unica venerazione assoluto, quella per il Re Luigi XIV.


Il rapporto con Angelica è di quelli turbolenti, basti pensare alla loro prima notte di nozze, sfociata in una violenza difficile da digerire alla sensibilità moderna, ma la nostra eroina non demorde, convinta che prima o poi riuscirà a domare il cuore selvaggio di Philippe e a conquistare la serenità al suo fianco.


Nel frattempo il legame con l'uomo, le permette di ritornare a corte, questa volta moglie del rispettato Plessie-Belliére e di ritrovare tutti quei personaggi che, al momento della sua disgrazia con Joffrey de Peyrac, le avevano voltato le spalle. Tutti pian piano cadranno vittima dei suoi incanti, non meno il Re che pur sembra comunque muoversi con una certa circospezione nei suoi riguardi, in quanto moglie di un uomo a lui fedelissimo, e per il passato che li separa.


Philippe, combattuto, astioso, gelosissimo, pian piano si lascerà conquistare dal fascino innegabile di una moglie come Angelica, donna moderna nelle rivendicazioni dei suoi diritti, anche quelli di piacere, intelligente e brillante, sempre pronta a conquistare l'attenzione dei personaggi, anche di spicco, che le ruotano intorno.


Intanto il tempo passa e il ricordo di Joffrey sembra allontanarsi sempre di più, tranne per i figli che crescono e che portano con loro l'impronta di un uomo del genere. Il carattere determinato della nostra eroina non le concede troppi momenti per ricordare, anche perché sa che quel pensiero potrebbe trascinarla verso un baratro dove, senza Desgrez, potrebbe sprofondare. 


Molto meglio quindi andare avanti, ma la tragica scomparsa del piccolo Cantor, mandato per mare, e sparito in seguito ad un attacco di un misterioso personaggio, el Rescatador, che qui viene lasciato molto nell'ombra di un racconto lontano, ma che sono sicura, con  i prossimi volumi, ritornerà prepotente sulla scena.


Al momento però Angelica affronta il dolore e lo lascia andare, piangendo la scomparsa del "figlio del miracolo", nato lo stesso giorno dell'esecuzione del padre, ormai molti anni prima. Non sarà l'unica tragedia a colpire il suo cuore intrepido. 


Quando Philippe, il ribelle, l'ostinato Philippe, si renderà conto di essere caduto sotto il giogo dell'amore della moglie, desiderata anche dal suo stesso Re, si lancerà intrepido e sconsiderato verso un'avventura che segnerà per sempre il suo destino, facendo precipitare Angelica, nuovamente, nella disperazione.


Sono curiosa di scoprire come la nostra Marchesa degli Angeli riuscirà a far cadere ai suoi piedi anche il potente Luigi XIV.


FRASI TRATTE DAL ROMANZO 

« Si combatte», mormorò Andijos, « si colpisce, si uccide...È come un fuoco che divora tutto...Alla fine la ribellione...diventa un'abitudine...Non è più possibile estinguere l'incendio. E un giorno si arriva a non ricordare perché si odia, perché si combatte».(Andijos spiega ad Angelica la sua decisione di chiedere perdono al Re)


***


Per un cuore coraggioso, non esistono impossibili.


***


« I ricordi che ci uniscono, non sono quelli che si rinnegano, Barcarola. Anche se volessi», aggiunse con voce bassa, « non potrei dimenticarli».(Angelica al nano della regina)


***


Non era né Monsieur né il cavaliere di Lorena.  Era  il dio  Marte,  il signore della guerra, duro, implacabile e freddo come il marmo.(Angelica pensando a suo marito Philippe)


***


Sulla porta dello studio, si fermavano i rumori frivoli,  i pettegolezzi incoercibili della Corte. Dentro quell'austera stanza, si poteva decidere della sorte del mondo, mentre fuori essa stessa rideva e ballava.

***


«Che scommetete che un giorno vi ritroverete, grazie a me, rinchiusa in un convento di provincia, senza la speranza di poter uscire di lì?».«Che scommettete che un giorno sarete pazzamente innamorato di me?».(Angelica e Philippe)


***


Il suo sguardo si posò su quel volto di donna rivolto verso di lui e, all'improvviso, sembrò scoprire qualcosa in più delle apparenti seduzioni di quella femminilità, qualcosa che non cercava mai nelle donne: un anima, un cervello, una personalità.(Re Luigi XIV guardando Angelica)


***


Meravigliata, si rese conto che nella corte, concepita  di galanti, l'amore si coniugava quasi sempre con l'interesse e, così come aveva raccontato il favolista La Fontaine,  il dio Eros doveva spesso ritirarsi pesante davanti alla coppia formata dalla cieca Fortuna, in cima alla sua ruota, e Mercurio, quello dai piedi alati.

***


«Ma la vita mai ci separa da noi stessi»


***


Siete come tutte le donne, che si credono invincibili e per le quali gli uomini dovrebbero morire felici per loro. Non appartengo a questa specie. Un giorno, vi renderete conto, se ancora non l'avete capito, che anch'io sono un lupo.(Philippe ad Angelica)


***

venerdì 19 gennaio 2018

Warleggan di Winston Graham

Per tutti gli amanti della serie Poldark, vi ricordiamo che il 25 gennaio esce il quarto volume della saga in italiano.



Lo troveremo su tutti i maggiori store on line. Qui vi lasciamo il link ad Amazon. Potrete acquistarlo sia in formato digitale che cartaceo.


 Cornovaglia, 1792. Mentre l'Europa viene spazzata dai nuovi venti di guerra prodotti dalla Rivoluzione francese, sulle coste dell'Inghilterra Ross e Demelza Poldark, dopo un lungo periodo di difficoltà e amarezze, sembrano poter finalmente voltare pagina: lei si prende cura del piccolo Jeremy, e intanto il marito si butta anima e corpo in una nuova avventura mineraria con il cugino Francis. L'impresa, però, non è senza rischi e - soprattutto in quell'attività estrattiva che affonda nelle viscere della terra - il successo economico o il collasso finanziario dipendono da una varietà di circostanze, non sempre prevedibili. Così, quando il destino colpisce i Poldark con un'inattesa tragedia, la prospettiva della bancarotta si fa più concreta che mai. È in queste drammatiche circostanze che l'antica passione di Ross per Elizabeth torna a divampare, trascinandolo oltre i limiti della ragione, mentre Demelza, umiliata e in preda a sentimenti di vendetta, comincia a cedere all'insistente corteggiamento di un fascinoso ufficiale scozzese. Ogni cosa, nelle loro vite, sembra allora poter rovinare da un momento all'altro. Tanto più che l'ombra cupa del potente nemico, George Warleggan, questa volta si allunga fino a lambire le zone più intime e segrete del cuore di Ross. Tinte fosche, tormenti d'amore, imperituri valori di un eroe d'altri tempi: con il quarto episodio della saga di Poldark prosegue il grande romanzo storico di Winston Graham.


Se siete curiosi di conoscere in anteprima il nostro parere su questo volume, leggete quanto abbiamo scritto nella nostra recensione al romanzo.